L’acidificazione degli oceani e gli effetti sugli animali

CZ Trattamento Acque - Blog - Gli effetti dell’acidificazione degli oceani sugli animali - Tartaruga che nuota nel mare con barriera corallina e vegetazione

Gli effetti dell’acidificazione degli oceani sugli animali

Dalla rivoluzione industriale a oggi l’acidità degli oceani è aumentata di circa il 30%. La causa? L’incremento delle emissioni di anidride carbonica. Circa un quarto della CO2 atmosferica viene, infatti, assorbita direttamente dagli oceani dove si trasforma in acido carbonico. Maggiore è la quantità che passa dall’aria all’acqua, più elevata sarà la riduzione del pH marino. L’effetto di questa acidificazione ha una diretta conseguenza su tutti gli animali marini, a cominciare ovviamente da quelli che, privi di uno scheletro, si sono evoluti realizzando strutture biologiche esterne di protezione.

Gran parte delle ricerche di settore sono concentrati sui danni ai coralli, ma queste piccole colonie di polipi non sono le uniche vittime. A pagar cara l’acidificazione degli oceani sono anche tutti i molluschi dotati di gusci calcarei.

 

I ricercatori della università di Tsukuba in Giappone, sottolineano come siano stati trovati molluschi più piccoli e conchiglie più sottili e leggere in aree con livelli di pH più bassi.